venerdì 8 settembre 2017

Cos'è il genere Young Adult

Avrete certamente letto in rete l'espressione legata al mondo dei libri Young Adult: ma di cosa si tratta? Confesso che classificare un genere letterario in questo modo mi ha per un attimo sconcertato. Scoprire poi che si tratta di un modo di catalogare i generi letterari che risale agli anni Venti del Novecento ha aumentato la mia confusione. Perciò, proviamo a fare un po' di ordine. 
Appartengono al genere Young Adult i libri rivolti a giovani di età compresa tra i 12 e i 18 anni. Gli argomenti riguardano la loro vita quotidiana e i loro problemi: le difficoltà relazionali con i genitori, i primi amori, i conflitti con i pari, i contatti con alcol e droga, i desiderata che non si riesce a realizzare. La trama si dipana in un percorso simile a quello dei romanzi di formazione. Non di rado le vicende avvengono in un mondo fantastico. Harry Potter, ad esempio, appartiene a questo genere. E come Harry Potter, anche altri libri Young Adult sono letti anche dagli over 40. Questo ha ampliato la vastità di pubblico interessato e ciò ha messo in moto la macchina dell'editoria commerciale. Ma attenzione: definire Young Adult come genere letterario, al pari del romanzo storico o del giallo, è scorretto. Tutti i generi letterari possono entrare nella categoria Young Adult per il fatto di interessare i giovani, tanto che libri che nulla hanno a che fare con questa fascia di età, vengono comunque inseriti perché i ragazzi ad un certo punto si sono interessati ad essi. L'esempio più chiaro è Il Signore degli Anelli. Va sottolineato che la scrittura è nel Young Adult semplificata e costruita con un alto numero di neologisimi e slang giovanile. Non è detto che dei cinquantenni non la gradiscano e non è detto che dei quindicenni non possano detestarla. Conosco giovanissimi che amano i classici e sessantenni che leggono Young Adult. Ormaila diffusione di questo tipo di romanzi sta imperversando, così come il genere New Adult. Ma questa è un altra cosa...(to be continued...)

Nessun commento:

Posta un commento